GIURÆMILIA rel. 2.2.30.0Skip Navigation Links > Home page

Giurisprudenza di merito  Fascicolo 20/09/2017 n. 59    Documenti n. 26   : ORDINE CRONOLOGICO Fascicoli pregressi 2017     Fascicoli precedenti...
 
Tribunale RAVENNA - Est. dr. Bernardi Dario
Lavoro rapporto - Sospensione del rapporto di lavoro - Patologie sopravvenute - Sospensione unilaterale del lavoratore per inidoneità alla mansione specifica - Adibizione del lavoratore a mansioni compatibili (equivalenti o inferiori) - Insuscettibilità - Onere di prova gravante sul datore - Mancato assolvimento - Risarcimento del danno - Misura delle retribuzioni - Accertamenti sanitari - Giudizio medico di inidoneità temporanea alla mansione - Mancata programmazione di nuovo controllo medico alla scadenza del periodo di inidoneità - Onore dell'organizzazione datoriale - Rif.Leg. artt.1218, 1256 cc; artt.25, 39, 42 D.lgs 81/2008;
Ricorrente vittorioso - Resistente soccombente

Tribunale RAVENNA - Est. dr. Bernardi Dario
Impiego pubblico - Competenza e giurisdizione - Dirigenza medica-sanitaria Ausl - Assunzione e costituzione del rapporto - Procedura selettiva concorsuale - Integrazione - Giurisdizione amministrativa - Configurabilità - Rif.Leg. artt.63 D.lgs 165/2001; art.1 Dpr 484/1997; art.15 D.lgs 502/1192
Ricorrente soccombente in rito - Resistente vittorioso in rito

Tribunale RAVENNA - Est. dr. Allegra Antonella
Separazione dei coniugi - Addebito di colpa - Coniugi italo-marocchini - Pretese relative all'osservanza dei precetti islamici ed all'obbligo di conversione - Condotte violente ed aggressive - Assenze prolungate ed inadempimento ai doveri di assistenza morale e materiale dei figli - Pronunzia di addebito - Provvedimenti riguardo ai figli - Interesse dei minori - Prevalenza - Affido esclusivo ex art.337quater - Necessità - Contributo di mantenimento - Liquidazione - Criteri - Rif.Leg. artt.151, 337ter, 337quater cc;
Ricorrente vittoriosa - Resistente contumace soccombente

Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Betti Matilde
Matrimonio e divorzio - Divorzio: assegno divorzile - Art.5 Legge Divorzio come interpretato da Cass. 11504/2017 - Ridefinizione dei presupposti dell'inadeguatezza dei mezzi di un coniuge condizionante l'obbligo di corresponsione dell'assegno divorzile - Valutazione in concreto - Presupposti dell'età, della salute e della possibilità di procurarsi mezzi adeguati o non sufficienti - Matrimonio e divorzio - Divorzio: assegno divorzile - Coniuge divorziato richiedente - Pensionata proprietaria dell'abitazione - Mezzi adeguati in relazione all'età ed alla necessità di cure mediche - Insufficienza - Maggior reddito dell'altro coniuge (non titolare di proprietà immobiliari) - Assegno divorzile - Liquidazione - Rif.Leg. art.337septies cc; artt.5, 6 L.898/1970;
Ricorrente parzialmente soccombente - Resistente parzialmente vittoriosa

Tribunale RAVENNA - Est. dr. Sereni Lucarelli Roberto
Trust - Precetto - Notificazione al trustee - Omessa specificazione della qualità di trustee - Precetto - Inefficacia - Rif.Leg. artt.482, 615 cpc;
Attore soccombente in rito - Convenuto vittorioso in rito

Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Betti Matilde
Separazione dei coniugi - Addebito di colpa - Relazione extraconiugale - Prove - Adeguatezza - Intollerabilità della convivenza - Efficacia causale dell'infedeltà - Pronunzia di addebito - Provvedimenti riguardo ai figli - Figli minorenni e maggiorenni non autosufficienti - Affido condiviso - Documentazione fiscale prodotta dai coniugi riconducibile allo stato di indigenza - Natura omissiva e lacunosa - Incompatibilità con l'alto tenore di vita accertato - Poteri officiosi del Giudice ex art.337octies cc - Applicazione - Assegno di mantenimento in favore dei figli a carico del coniuge non affidatario - Liquidazione largamente eccedente il reddito dichiarato - Alimenti e mantenimento - Equivalenza economica dei coniugi accertata nel corso del procedimento - Assegno di mantenimento - Rinuncia - Rif.Leg.artt.143, 151,337ter, 337octies cc;
Ricorrente prevalentemente vittoriosa - Resistente prevalentemente soccombente

Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Salina Giovanni
Società - Amministratori: azione di responsabilità - Istituto di credito - Azione di responsabilità dei creditori sociali ex art.2394 cc nei confronti degli amministratori della società debitrice per danno patrimoniale -  Fallimento del debitore ed esperimento dell'azione di responsabilità ex art.146 LF  nelle more del giudizio - Sopravvenuta carenza di legittimazione attiva - Improcedibilità dell'azione ex art.2394 cc - Amministratori: azione di responsabilità - Fallimento in pendenza di azione di responsabilità dei creditori sociali - Concentrazione delle azioni di responsabilità nell'azione del curatore - Modifica della legittimazione attiva - Amministratori: azione di responsabilità - Azione individuale per danno diretto ex art.2395 cc - Menzione nell'atto di citazione - Limiti - Tardività - Preclusione - Rif.Leg. artt.2043, 2394, 2395,2394bis, 2407, 2476 cc; art.146 RD 267/1942;
Attore soccombente - Convenuti vittoriosi in rito

Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Pugliese Maria Luisa
Lavoro rapporto - Permessi ed aspettative - Permessi retribuiti per l'assistenza al congiunto disabile - Appostamenti e verifiche investigative - Uso improprio - Lesione del rapporto fiduciario - Licenziamento: giusta causa - Plurimi permessi retribuiti ex art.33 L.104/1992 - Assistenza al congiunto disabile - Insussistenza - Licenziamento - Giusta causa - Integrazione - Rif.Leg. art.1 L.92/2012; art.33 L.104/1992; [ACCOGLIMENTO]
Opponente (rito Fornero) vittorioso - Opposto (rito Fornero) soccombente

Tribunale PARMA - Est. dr. Orani Silvia
Valori mobiliari - Intermediazione finanziaria - Piano finanziario 4you - Mutuo chirografo collegato all'acquisto di strumenti finanziari - Contratto atipico unitario - Configurabilità - Intermediazione finanziaria - Piano finanziario 4you - Pregiudizio del contraente - Negozio meritevole di tutela ex art.1322 cc - Esclusione - Nullità del contratto - Rif.Leg. artt.1322, 1419 cc; artt.1, 21, 23 D.lgs 58/1998;
Attore vittorioso - Convenuto soccombente

Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Marchesini Maurizio
Cooperative - Delibere di esclusione del socio fondate su licenziamento per mere ragioni disciplinari - Applicazione dell'art.18 SdL - Impugnazione delle delibere di esclusione - Superfluità - Licenziamento: disciplinare - Soci lavoratori - Fatti contestati addotti alla base del licenziamento - Manifesta insussistenza - Reintegrazione - Indennità risarcitoria - Rif.Leg. artt.1 L.92/2012;art.18 L.300/1970; art.2 L.141/2001;
Opponente (rito Fornero) soccombente - Opposto (rito Fornero) vittorioso

Tribunale BOLOGNA - Est. dr. Sorgi Carlo
Lavoro rapporto - Licenziamento: disciplinare - Prescrizioni mediche - Osservanza datoriale - Iter formativo - Conformità - Condotte discriminatorie - Esclusione - Licenziamento: disciplinare - Negligenze e ritardi del lavoratore - Integrazione - Reintegrazione disposta nella fase sommaria - Erroneità - Accoglimento dell'opposizione - Lavoro e previdenza controversie - Procedimento - Rito Fornero - Contumacia del convenuto - Valenza confessoria o non contestativa - Esclusione - Fase di opposizione - Facoltà di deduzione ed allegazione della parte contumace nel giudizio sommario - Rif.Leg. art.2119 cc; art.1 L.92/2012; art.18 L.300/1970; [ACCOGLIMENTO]
Opponente (rito Fornero) vittorioso - Opposto (rito Fornero) soccombente

Tribunale PARMA - Est. dr. Vittoria Marco
Competenza e giurisdizione civile - Competenza: per materia - Controversia avente ad oggetto cessioni di crediti a terzi conseguenti al trasferimento di quote di società di capitale - Decreto ingiuntivo azionato dal terzo cessionario (opposto) in forza di penali pattiziamente previste per inadempimento fra le parti - Connessione oggettiva propria - Configurabilità - Devoluzione per connessione al Tribunale delle Imprese territorialmente competente (Milano) - Incompetenza del Giudice del decreto ingiuntivo - Revoca e declaratoria di nullità del decreto - Pronuncia in forma di sentenza - Necessità - Rif.Leg. artt.3 DL 01/2012; artt.3, 4 D.lgs 168/2003;
Opponente vittorioso in rito - Opposto soccombente in rito

Tribunale REGGIO EMILIA - Est. dr. Zompi Chiara
Leasing - Locazione finanziaria per autoveicoli di lusso adibiti a trasporto funebre - Omessa consegna dei beni all'utilizzatore - Natura concordata e simulata dei verbali di presa consegna - Nullità o annullamento del contratto - Preclusione - Attinenza al momento esecutivo - Risoluzione - Configurabilità - Leasing - Collegamento negoziale fra contratto di finanziamento e contratto di fornitura - Scissione fra soggetto destinatario del bene e soggetto destinato all'adempimento - Clausola di attribuzione del rischio di inadempimento del fornitore all'utilizzatore - Sottoscrizione dal parte dell'utilizzatore del verbale di consegna - Opponibilità della mancata consegna al concedente - Preclusione - Inadempimento del fornitore - Pretese creditorie del concedente nei confronti dell'utilizzatore - Legittimità - Fascicolo di parte - Mancata restituzione - Inutilizzabilità - Rif.Leg. artt.1418, 1453, 1463 cc;
Opponente soccombente - Opposto vittorioso

Tribunale MODENA - Est. dr. Rimondini Antonella
Giurisdizione italiana e diritto applicabile - Sinistro stradale avvenuto all'estero (Romania) - Morte - Responsabilità del conducente dell'autoveicolo immatricolato ed assicurato in Italia - Condizioni di reciprocità - Irrilevanza - Colpa e concorso di colpa - Impatto frontale fra veicoli per invasione di corsia - Superamento della presunzione di colpa - Esclusione - Accertamento della condotta del veicolo favorito - Insuscettibilità - Presunzione di pari responsabilità - Prevalenza - Danno al congiunto: morte o lesione - Sinistro stradale - Decesso intervenuto dopo 15 gg - Stato cosciente della vittima - Danno biologico risarcibile iure hereditatis - Parametri tabellari - Applicazione - Criterio dell'invalidità temporanea assoluta - Danno non patrimoniale risarcibile iure hereditatis distinto dal biologico - Liquidazione aggiuntiva - Danno al congiunto: morte o lesione - Sinistro stradale - Uccisione del fratello - Danno iure proprio per lesione del rapporto familiare - Parametri tabellari - Rilievo della non convivenza - Liquidazione - Criteri - Rif.Leg. artt.2054, 2059 cc; artt.138, 139 D.lgs 209/2005;
Attore vittorioso - Convenuti contumaci e soccombenti

Tribunale MODENA - Est. dr. Conte Vincenzo
Lavoro rapporto - Lavoro a termine - Contratti a termine e di somministrazione reiterati in un lungo lasso temporale - Impugnazione stragiudiziale - Differimento dei termini ex art.32 co 1bis L.183/2010 - Preclusioni decadenziali - Esclusione - Lavoro a termine - Assunzioni a termine presso la P.A. - Causali sostitutive o per esigenze straordinarie - Genericità delle indicazioni - Causali specifiche - Assenza del supporto probatorio - Nullità delle clausole appositive del termine - Natura pubblica del datore - Risarcimento del danno - Liquidazione - Criteri - Impiego pubblico - Assunzione e costituzione del rapporto - Qualifiche ex art.35 D.lgs 165/2001 con requisito della scuola dell'obbligo - Previsione di concorso pubblico - Esclusione - Rispetto delle graduatorie e delle liste di collocamento - Necessità - Conversione del rapporto con la P.A. Preclusione - Prescrizione e decadenza - Successione dei contratti a termine - Decorso della prescrizione - Non configurabilità - Mutuo consenso - Contratti a termine - Mutuo consenso - Onere e regime della prova - Inerzia del lavoratore per un tempo apprezzabile (3 anni) - Integrazione della risoluzione per mutuo consenso - Esclusione - Rif.Leg. art.1344 cc; artt.20, 27, 28 D.lgs 276/2003; art.1, 4, 5 D.lgs 368/2001; art.32 L.183/2010; art.6 L.604/1966; art.1 L.230/1962; art.35, 36 L.165/2001; art.10 L.57/1986;
Ricorrente vittorioso - Resistente soccombente

Tribunale PARMA - Est. dr. Vernizzi Enrico
Sottrazione o mancato rientro del minore - Mancato rientro del minore in patria - Temporanea residenza del minore in paese aderente alla Conv. dell'Aja (Romania) - Competenza del Dipartimento di Giustizia Minorile - Configurabilità - Domanda di rientro proposta avanti al Giudice Ordinario - Inammissibilità - Matrimonio e divorzio - Giurisdizione e Legge applicabile - Coniugi di nazionalità Italiana e Rumena uniti in matrimonio e residenti in Italia unitamente alla prole - Giudizio di separazione (domande sul vincolo/affidamento dei minori/contenuto patrimoniale) - Giurisdizione Italiana - Sussistenza - Giurisdizione italiana e Legge applicabile - Addebito di colpa - Inscindibilità della domanda di addebito dalla domanda principale di separazione - Giurisdizione italiana ex art.3 Reg.CE 2201/2003 - Configurabilità - Giurisdizione italiana e Legge applicabile - Pronunce sul vincolo matrimoniale e sull'addebito - Determinazione della legge applicabile - Art.18 Reg.UE 1259/2010 - Criterio della residenza abituale dei coniugi - Legge Italiana - Applicazione - Giurisdizione italiana e Legge applicabile - Pronunce sull'affidamento dei minori/assegnazione della casa familiare - Criteri ex art.42 L.218/1995 - Applicazione - Disposizioni sul mantenimento dei figli - Protocollo dell'Aja 2007 - Applicazione - Addebito di colpa - Abbandono della casa coniugale unitamente ai figli - Giusta causa di allontanamento - Insussistenza - Pronunzia di addebito - Provvedimenti riguardo ai figli - Assegnazione della casa familiare al padre in regime di affidamento super esclusivo - Contributo di mantenimento in carico alla madre non affidataria - Liquidazione - Criteri - Rif.Leg. artt.145, 146, 151, 155quater, 337quater cc; artt.3, 8, 11, 19 Reg.CE 2201/2003; artt.4, 8, 7, 21 L.64/1994 (Conv.Aja); artt.7, 8, 14, 15, 19 Reg.CE 1393/2007; art.18 Reg.UE 1259/2010; art.42 L.218/1995;
Ricorrente soccombente - Resistente vittorioso

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Palumbi Antonella
[APP TRIB FERRARA] Ingiunzione – Giudizio di opposizione – Costituzione tardiva dell’opposto – id est : oltre il termine "dimidiato" – Declaratoria in prime cure di improcedibilità dell’opposizione – Illegittimità – Disciplina applicabile ratione temporis e Applicazione della norma di interpretazione autentica – Assegnazione all’opposto da parte dell’opponente di termine di comparizione inferiore al termine "ordinario" – Esclusione – Costituzione rituale e tempestiva dell’opponente – Procedibilità dell’opposizione – Ingiunzione – Decreto ingiuntivo (prova scritta) – Elementi costitutivi del credito esercitato in via monitoria – Insussistenza – Onere della prova gravante sull’opposto – Inottemperanza – Attinenza in ispecie alla mancata restituzione del fascicolo di parte – Irrilevanza – (Impossibilità di valutazione della pretesa creditoria)Rif. Leg. artt.163bis, 165, 169, 633, 645 cpc; artt.1, 2 L 218/2011; [RIFORMA INTEGRALE]
Appellante vittorioso in rito - Appellato soccombente in rito
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Parisi Mariapia
[APP TRIB REGGIO EMILIA] Separazione dei coniugi – Provvedimenti riguardo ai figli – Elevata conflittualità tra coniugi ed incapacità di comunicazione – Rapporto coniugale ostativo all’affidamento condiviso – Provvedimenti riguardo ai figli – Condotte oppositive della moglie ai fini dell’assunzione (da parte del marito) del ruolo genitoriale paterno – Gravame della moglie a fini di affidamento esclusivo – Infondatezza – Provvedimenti riguardo ai figli – Capacità genitoriali dei coniugi – Esclusione ex CTU – Interesse esclusivo del minore ad un sereno ed equilibrato sviluppo psicofisico – Rilevanza e prevalenza esaustiva – Affidamento della figlia minore ai Servizi Sociali – Conferma – Rif. Leg. artt.150, 151, 337ter, 337quater cc; art.116 cpc;
Appellante soccombente - Appellato vittorioso
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Parisoli Francesco
[APP TRIB PARMA] Divorzio – Assegno di mantenimento dei figli – Figli maggiorenni economicamente non emancipati o precariamente emancipati – Legittimazione concorrente con il genitore convivente alla proposizione della domanda di assegno nei confronti del genitore non convivente – Intervento in giudizio dei figli e proposizione della domanda giudiziale – Insussistenza – Corresponsione diretta ai figli dell’assegno da parte del genitore obbligato – Esclusione – Assegno di divorzio – Valorizzazione della durata della convivenza coniugale – Legittime aspettative – Tenore di vita in costanza di matrimonio – Disparità reddituale tra ex coniugi – An e Quantum dell’assegno divorzile – Fondatezza della pronunzia resa a definizione del primo grado di giudizio – Mantenimento di figlia nata da altra relazione sentimentale – Onere gravante sul coniuge tenuto alla corresponsione dell’assegno – Valutazione equitativa –Rif. Leg. art.5 L 898/1970; art.13 DPR 115/2002;
Appellante soccombente - Appellato vittorioso - Conclusioni del Procuratore Generale. Accoglimento
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Di Marco Diego
[APP TRIB REGGIO EMILIA] Separazione dei coniugi – Procedimento – Rito camerale – Eccezione di costituzione tardiva ai fini dell’appello incidentale – Reiezione – Addebito di colpa – Relazione extraconiugale – Irrilevanza – Anteriorità dell’irrimediabile deterioramento dell’unione coniugale – Prevalenza – Intollerabilità nella prosecuzione della convivenza – Autonoma rilevanza – Nesso causale con la violazione del dovere di fedeltà – Esclusione – Addebito di colpa – Infondatezza – Mantenimento – Figlia maggiorenne economicamente non emancipata – Corresponsione diretta del contributo al mantenimento – Esclusione – RatioMantenimento – Assegno di mantenimento in favore del coniuge – Mutate condizioni reddituali (in pejus) del coniuge obbligato – Capacità di conservazione (in favore dell’altro coniuge) del tenore di vita goduto in costanza di matrimonio – Esclusione – ‘Potenziale’ capacità reddituale del coniuge avente diritto – Rilevanza – Riduzione nel Quantum dell’assegno di mantenimento – Fondatezza della statuizione resa in prime cureRif. Leg. artt.143, 150, 151, 156, 337ter cc; artt.92, 343, 708, 709bis cpc; [RIFORMA PARZIALE]
Appellante prevalentemente soccombente - Appellato e Appellante incidentale parzialmente soccombente
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Parisi Mariapia
[APP TRIB BOLOGNA] Stranieri – Status di rifugiato o diritto di asilo – Cittadino del Ghana(Sedicente) Omosessuale – Atti persecutori (anche di natura penale) nel paese d’origine a causa della condizione di omosessualità – Istanza a fini del riconoscimento del diritto d’asilo o della protezione internazionale – Reiezione – Stereotipo narrativo sulle proprie inclinazioni sessuali – Inottemperanza all’onere della prova – Impasse nella credibilità e attendibilità dell’istante –Plausibile uso strumentale del narrato – Prevalenza – Rif. Leg. artt.2, 4, 5, 35 DLgs 25/2008; art.23 DPR 115/2002;
Appellante soccombente - Appellato vittorioso
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Di Marco Diego
[APP TRIB RAVENNA] Sanzioni amministrative – Opposizione a ordinanza ingiunzione – Reiezione in prime cureAppello – Fissazione dell’udienza di discussione (decreto) – Atto di appello – Omessa notificazione del ricorso introduttivo (depositato) e del decreto di fissazione di udienza – Rilevanza e prevalenza esaustiva – Rituale comunicazione dell’udienza di discussione – Irrilevanza – Giustificati motivi per la rimessione in termini (a fini di notifica) – Insussistenza – Improcedibilità dell’appello – Impugnazioni – Rito del lavoro – Appello – Omissione della notificazione dell’atto di appello – Decadenza dal potere di impugnazione – Impugnazione inammissibile – Potere-Dovere di rilevo ex officioSpese di giustizia – Giudizio di appello – Definizione con pronunzia di reiezione in rito del gravame – Debenza del contributo Unificato – Rif. Leg. L 689/1981; artt.153, 435, 437 cpc; art.13 DPR 115/2002; [DECLARATORIA DI INAMMISSIBILITÀ]
Appellante soccombente in rito - Appellato vittorioso in rito
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Casari Fausto
[APP TRIB BOLOGNA] Stranieri – Status di rifugiato o diritto di asilo – Cittadino nigeriano – Istanza per il riconoscimento della protezione internazionale – Reiezione della Commissione Territoriale – Ricorso al Tribunale Civile Ordinario – Accoglimento limitatamente al riconoscimento della protezione umanitaria – Infondatezza della pronunzia resa in prime cureProtezione internazionale – Motivo (oggettivo) della generalizzata instabilità ed elevata conflittualità (anche armata) nel paese d’origine – Irrilevanza – Effettività personale del rischio (id est : effettiva esposizione a rischio dell’integrità personale) – Insussistenza – Motivo (soggettivo) della "vulnerabilità" personale e sociale – Insussistenza – Presupposti per il riconoscimento della Protezione Internazionale per motivi umanitari – Esclusione – Spese giudiziali – Regolamento delle spese – Diritti della personalità – Principio di causalità e soccombenza – Inapplicabilità – Gravi ragioni per l’integrale compensazione – Ricorrenza – Rif. Leg. art.3 DLgs 251/2007; artt.10, 20 DLgs 296/1998; art.32 DLgs 25/2008; art.10 Cost; artt.91, 92 cpc; art.13 DPR 115/2002; [RIFORMA INTEGRALE]
Appellante vittorioso - Appellato soccombente - Conclusioni del Procuratore Generale. Accoglimento
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Saracini Enrico
[APP TRIB BOLOGNA] Professioni intellettuali – Responsabilità civile: personale medico – Formazione neoplasicaRitardata diagnosiin ispecie : risultanze di esame radiologico non inerenti alla cura e all’intervento chirurgico in atto – Omessa comunicazione al paziente – Inadempimento da parte del medico curante\ medico chirurgo dell’obbligo di informazione – "Colpa medica" – Oneri di protezione e controlli gravanti sul medico anestesista – Insussistenza – Sanità e sanitari – Responsabilità contrattuale – Rapporti negoziali – Struttura sanitaria (pubblica o privata) – Prestazione della messa a disposizione di strutture e personale in favore del paziente – Controprestazione del corrispettivo – Contratto di prestazione d’opera intellettuale professionale del medico (in ispecie nell’esercizio della libera professione) – Responsabilità della struttura sanitaria dipendente necessariamente dall’occorso inadempimento professionale ("colpa medica") – Ricorrenza di autonomo profilo di responsabilità della struttura sanitaria nel caso di specie – Danni – Danno non patrimoniale – An debeaturDanno riconducibile all’inadempimento informativo : – a) intervento chirurgico curativo ‘ritardato’ – b) conseguenze maggiormente lesive per il carattere maggiormente demolitivo dell’intervento chirurgico eseguito – Assenza (all’attualità della domanda risarcitoria) di patologia attiva (neoplasia e metastasi) – Irrilevanza – Quantum debeaturDeterminazione e liquidazione equitativa – Applicazione del criterio tabellare – Credito di valuta e interessi – Quantum complessivo – Danno non patrimoniale – Danno da diminuita aspettativa di vita – Esclusione – Domanda di condanna generica in prime cure – Domanda di condanna specifica in secondo grado – Inammissibilità – Danno da lesione parentale – Familiare (coniuge) convivente con il danneggiato – Danno alla salute – Infondatezza – Presupposto della lesione all’integrità psicofisica – Insussistenza – Danno riflesso da "stravolgimento delle abitudini di vita" – Fondatezza – Liquidazione equitativa – Sanità e sanitari – Responsabilità contrattuale – Responsabilità concorrente della struttura sanitaria privata e del medico chirurgo – Diritto di surrogazione della Compagnia Assicuratrice nei diritti della Casa di Cura verso il medico chirurgo – Rif. Leg. artt.1176, 1218, 1223, 1226, 1228, 1916, 2049, 2056, 2059, 2236 cc; art.32 Cost; (Fattispecie connotata in I grado dall’accertata assenza di danno risarcibile pur nell’accertato inadempimento professionale) [RIFORMA INTEGRALE]
Appellanti parzialmente vittoriosi - Appellati soccombenti - Appellati vittoriosi
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Varotti Luciano
[APP TRIB BOLOGNA] Stranieri – Status di rifugiato o diritto di asilo – Domanda di asilo alla Commissione Territoriale – Diniego per "inammissibilità" della domanda – Impugnazione del provvedimento avanti l’autorità giurisdizionale ordinaria (Tribunale civile) – Ordinanza di riconoscimento della protezione sussidiaria resa a definizione del giudizio di I grado – Illegittimità – Diritto di asilo – Riproposizione della domanda di asilo avanti diversa Commissione Territoriale – Deduzione di nuovi elementi a fondamento della domanda – Insussistenza – Inammissibilità della domanda – Riconoscimento della Protezione Sussidiaria in I grado – Revoca del provvedimento – Rif. Leg. artt.3, 14 DLgs 251/2007; art.29 DLgs 25/2008; art.19 DLgs 150/2011; art.35 DLgs 25/2005; [RIFORMA INTEGRALE]
Appellante vittorioso in rito - Appellato soccombente in rito - Conclusioni del Procuratore Generale. Accoglimento
[P.M.]

Corte d`Appello BOLOGNA - Est. dr. Palumbi Antonella
[APP TRIB BOLOGNA] Stranieri – Status di rifugiato o diritto di asilo – Cittadino senegalese – Domanda di protezione internazionale – Reiezione della Commissione Territoriale preposta (P.A.) – Ricorso al Tribunale Civile Ordinario in primo grado – Pronunzia di concessione del premesso di soggiorno per motivi umanitari – Infondatezza – Protezione internazionale per motivi umanitari – Dichiarazioni dello straniero – Inattendibilità – Assenza di veridicità – Complessivo giudizio di non credibilità – Condizioni per il riconoscimento dello status di rifugiato\ della protezione sussidiaria\ della tutela per motivi umanitari – Esclusione – Rif. Leg. art.5 DLgs 296/1998; artt.702bis, 702quater cpc; [RIFORMA INTEGRALE]
Appellante vittorioso - Appellato soccombente - Conclusioni del Procuratore Generale. Accoglimento
[P.M.]


 
Ricerca generale
Ricerca per voci
Area riservata utenti
Corte d'Appello di Bologna
Tribunale dei minori di Bologna
Tribunale di Bologna
Tribunale di Ferrara
Tribunale di Forlì-Cesena
Tribunale di Modena
Tribunale di Parma
Tribunale di Piacenza
Tribunale di Ravenna
Tribunale di Reggio Emilia
Tribunale di Rimini
Giudici di Pace
 
Provvedimenti massimati
Note e commenti
dr. Luciano Varotti (Consigliere Corte d'Appello di Bologna)
CORSO DI FORMAZIONE PER GESTORI DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO - Il sovraindebitamento e il piano del consumatore
La legge 27 gennaio 2012 n° 3 si propone di dettare misure in materia di usura e di crisi da sovraindebitamento. Ricorda molto una fenice, il noto uccello mitologico famoso per il fatto di risorgere dalle proprie ceneri dopo la morte, se è vero – come lo è – che essa venne preceduta dal DL 22 dicembre 2011 n° 212 ("disposizioni urgenti per l’efficienza della giustizia civile"), le cui disposizioni vennero abrogate dalla legge di conversione del 17 febbraio 2012 n° 10, per risorgere – per l’appunto – con la legge n° 3 del 2012. L’originario impianto normativo contenuto in questa legge venne poi stravolto dall’intervento effettuato con il d.l. 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla L. 17 dicembre 2012, n. 221, grazie al quale siamo arrivati alla attuale formulazione del testo normativo. Direi però che, invece di rinascere giovane e potente, la legge n° 3 ha assunto la forma di un Cerbero, un mostro mitologico tricefalo con un unico corpo: c’è solo da augurarsi che essa non duri 500 anni, come la vera Fenice.
dr.ssa RossellaTalia (Presidente Tribunale di Rimini)
LINEE GUIDA in materia di istanze ex art. 492 bis c.p.c. – 155 quinquies disp. att. c.p.c.
In attesa della operatività dell’accesso alle banche dati da parte dell’ufficiale giudiziario ex art. 492 bis c.p.c. – coincidente con l’inserimento di ciascuna delle banche dati nell’elenco pubblicato sul portale dei servizi telematici (art. 155 quater comma 1 e art. 155 quinquies comma 2 disp. att. c.p.c. nel testo novellato dalla Legge 6 agosto 2015 n. 132, di conversione con modificazioni del Decreto Legge 27 giugno 2015 n. 83) – la ricerca da parte del creditore con modalità telematiche di beni ai fini del pignoramento mobiliare o presso terzi è disciplinata dall’art. 155 quinquies disp. att. c.p.c. in relazione all’art. 492 bis c.p.c.
Avv. Giuseppe Villone (Foro di Bologna)
Brevi note sulle notificazioni in proprio eseguite a mezzo PEC a seguito del D.M 48/2013 e sul Protocollo sulle notificazioni tramite PEC dell’Osservatorio della Giustizia Civile di Bologna del 21 luglio 2014
La possibilità di effettuare notificazioni a mezzo PEC in proprio da parte degli avvocati ai sensi della L. 53/1994 rappresenta indubbiamente forse una delle più significative recenti semplificazioni degli innumerevoli adempimenti formali cui il legale che svolge essenzialmente attività giudiziale è chiamato. Come non ricordare le interminabili code presso gli uffici dell’UNEP per notificare un atto, per poi tornare nuovamente a ritirare l’originale rilasciato dall’ufficiale giudiziario, senza peraltro alcuna sicurezza sul buon esito della notificazione quando il notificando risultava irreperibile e/o trasferito...
Avv. Ciro Giuliano (Foro di Modena)
La scissione parziale come modalità esecutiva di una proposta di concordato preventivo con continuità aziendale
Il Legislatore ha previsto il concordato con continuità aziendale, ipotizzando sia la "prosecuzione dell’attività di impresa da parte del debitore", sia "la cessione dell’azienda in esercizio ovvero il conferimento dell’azienda in esercizio in una o più società, anche di nuova costituzione" (art. 186-bis, L. Fall. Nel primo caso, viene data allo stesso imprenditore la possibilità di uscire dallo stato di crisi, pagando solo in parte i propri debiti e destinando allo scopo solo una parte del suo patrimonio e del cash-flow generato dalla prosecuzione dell’attività d’impresa...
vedi elenco completo...